Azzurri in corsa alla mezza di Praga

05 Aprile 2018

Sui 21,097 chilometri nella capitale della Repubblica Ceca, sabato 7 aprile, in gara Stefano La Rosa, Eyob Faniel e Catherine Bertone


 

Nella mezza maratona di Praga, sabato 7 aprile, al via diversi atleti italiani. Sul veloce tracciato nel centro storico della capitale della Repubblica Ceca, al maschile sarà impegnato Stefano La Rosa per la sua prima gara dopo aver centrato il record personale nella maratona. Il 32enne grossetano dei Carabinieri ha corso in 2h11:08 il 25 febbraio a Siviglia, in Spagna, togliendo tre secondi al proprio limite. Stavolta si metterà alla prova sui 21,097 chilometri, per tornare nella manifestazione targata IAAF Gold Label in cui nel 2013 ha realizzato il quarto tempo in carriera con 1h03:03, invece quest’anno ha chiuso in 1h04:25 alla Napoli Half Marathon. Nelle ultime due stagioni ha indossato la maglia azzurra sulla maratona, alle Olimpiadi di Rio e ai Mondiali di Londra. Atteso quindi Eyob Faniel che affronterà un’altra “mezza”, due settimane dopo essersi migliorato ai Mondiali di Valencia. Nella rassegna iridata il 25enne vicentino del Venicemarathon Club è sceso a 1h02:37 per il 37° posto, ottavo degli atleti europei al traguardo, mentre un anno fa a Praga aveva fatto segnare il crono di 1h03:09.

Tra le donne ai nastri di partenza Catherine Bertone (Atl. Sandro Calvesi). La quasi 46enne valdostana, mamma e medico che lavora nel primo soccorso pediatrico, nel settembre 2017 ha colto un prestigioso sesto posto alla maratona di Berlino in 2h28:34, primato personale e record mondiale master W45. Quest’anno nella mezza di Torino, a metà marzo, si è piazzata seconda con 1h15:07. Il suo risultato più veloce sulla distanza rimane perciò quello di 1h13:37 ottenuto nel 2016 a Lugano, avvicinato con il passaggio intermedio di Berlino in 1h14:01.

Potrebbe essere arrivato il momento di un nuovo personal best? “La forma è buona, il percorso tra i più rapidi e non avrò scuse, poi forse ormai ho poche cartucce - racconta con la consueta autoironia - e voglio giocarmele bene. Tra gli impegni di lavoro e in famiglia, è difficile trovare il modo di fare più di un paio di trasferte all’anno. Se non dovesse andar bene, vuol dire che alla prossima mezza mi metterò in testa di fare due volte il giro, visto che finora le maratone mi riescono meglio!”.

In prima fila gli atleti keniani: al maschile James Rungaru, che nel 2018 ha già vinto la mezza olandese City-Pier-City Loop a L’Aia in 59:37, e Justus Kangogo, 59:31 alla RomaOstia del 2017, ma anche Josphat Tanui, 59:22 l’anno scorso a Usti nad Labem, e Benard Kimeli, 27:10 alla 10 km di Praga nel mese di settembre. Al femminile la più accreditata è Caroline Chepkoech Kipkirui, quinta donna di sempre con il recente 1h05:05 di Ras al-Khaimah. Le migliori prestazioni della gara, che è alla ventesima edizione, sono 58:47 dell’etiope Atsedu Tsegay che risale al 2012 e il clamoroso 1h04:52 nel 2017 della keniana Joycline Jepkosgei con un poker di record mondiali (anche su 10, 15 e 20 km). Annunciati 11.500 atleti alla partenza della Sportisimo Prague Half Marathon che sarà data alle ore 10.00 con diretta video streaming.

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Catherine Bertone (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: