Barletta, Mennea Day più forte di ogni furto

12 Settembre 2020

Di corsa sull’asfalto nella città della Freccia del Sud, dopo che nella notte è stato rubato il furgone con pista e blocchi per l’evento che ricorda l’impresa del record mondiale sui 200 metri

 

Si è corso a Barletta per il Mennea Day. Nella città natale del grande campione azzurro, l’evento che celebra l’anniversario dell’indimenticabile record mondiale sui 200 metri (19.72 a Città del Messico il 12 settembre 1979) è andato in scena sull’asfalto di corso Vittorio Emanuele. Ma non sulla pista e con i blocchi di partenza che dovevano essere montati, perché nella scorsa notte è stato rubato all’esterno di un hotel di Bisceglie il furgone con il materiale. “Un anno di lavoro per far sognare i più piccoli in un giorno speciale si è spento, siamo delusi e amareggiati - spiega l’Associazione IoCorro che organizza la manifestazione - ma siamo atleti abituati a combattere. Oggi il Mennea Day si fa lo stesso, non con una pista sotto i piedi ma con più forza di prima come ci insegna la nostra leggenda Pietro Mennea”.

A Mezzolombardo (Trento), nei 200 metri in ricordo della “Freccia del Sud”, i più veloci sono stati Marco Martini (Atl. Riccardi Milano) in 21.63 (-0.1) con il primato personale abbassato di tre decimi abbondanti e Alessandra Cuel (Atl. Trento, 27.18), mentre nel lungo 6,08 di Eleonora Filippetto (Team Treviso). Sulla pista di Cagliari, migliori crono di Gianmatteo De Furia (Cagliari Marathon Club) in 22.70 (+0.7) e Patricia Imprugas (Amsicora) con 25.66 (-1.2). A Mereto di Tomba (Udine), ieri nel meeting “Ricordando Paola Furlano”, 200 metri in 21.92 (+0.3) per Cristiano Giovanatto (Atl. Malignani Libertas Udine) e 25.87 (-0.1) di Anna Pizzo (Cus Trieste).

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate