Berlino: Vallortigara e Dal Molin per volare

10 Settembre 2021

Domenica il meeting dell’Olympiastadion: dopo l’1,96 di Chorzow l’azzurra dell’alto incontra Lasitskene e McDermott, l’ostacolista in pista dopo il quinto posto in Diamond League. Nei 100hs c’è Carmassi

 

Torna in gara Elena Vallortigara, in una sfida di altissima caratura tecnica. Domenica all’Istaf di Berlino, sulla pedana dell’Olympiastadion, la saltatrice azzurra prova a confermare l’1,96 con cui ha trionfato nell’alto al meeting di Chorzow domenica scorsa. Nell’ultima uscita dell’anno, dalle 16.15, la vicentina dei Carabinieri affronta la russa campionessa olimpica Mariya Lasitskene, fresca vincitrice del Diamond Trophy con il mondiale stagionale di 2,05 a Zurigo, e la medaglia d’argento dei Giochi Nicola McDermott, saltatrice australiana che incuriosisce sempre di più, per le misure raggiunte (2,02) e per il quadernino su cui annota le proprie sensazioni in pedana dopo ogni salto. Nel cast anche la quarta delle Olimpiadi (l’ucraina Iryna Gerashchenko), la connazionale Yuliya Levchenko, la bielorussa Karyna Demidik e la bulgara Mirela Demireva. È ancora ricca di appuntamenti la stagione di Paolo Dal Molin (Fiamme Oro). Il primatista italiano dei 110hs, dopo il quinto posto di giovedì sera nella finale della Diamond League con 13.43, gareggia prima a Berlino (alle 17.50), poi martedì sera a Bellinzona (Svizzera) e nel prossimo weekend alla Finale Oro dei Societari Assoluti di Caorle. In Germania, la medaglia di bronzo degli Europei indoor di Torun ritrova il giamaicano bronzo olimpico Ronald Levy e il trionfatore in Diamond League Devon Allen (Stati Uniti).

Italia negli ostacoli anche al femminile, con la presenza di Giada Carmassi (Atl. Brugnera Friulintagli), in pista alle 17.33 nei 100hs con l’olandese Nadine Visser appena scesa a 12.51 al Letzigrund di Zurigo e con la statunitense Christina Clemons. In questa stagione la friulana si è migliorata fino a 13.12 al meeting di Savona. Risulta iscritta ma non parteciperà la discobola primatista italiana Daisy Osakue (Fiamme Gialle), rientrata negli Stati Uniti, in una gara invece che annuncia l’olimpionica statunitense Valarie Allman. Tra gli altri motivi d’interesse internazionale, la nuova cavalcata del primatista mondiale Karsten Warholm (Norvegia) nei 400 ostacoli, l’asta con gli americani Sam Kendricks e Chris Nilsen, il giavellotto del tedesco Johannes Vetter, il lungo della connazionale Malaika Mihambo.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate