Grenot, giro di pista vincente a Huelva

08 Giugno 2018

La campionessa europea si aggiudica i 400 metri del meeting spagnolo in 51.81, season best. Bel progresso per la Merlo terza nei 3000 siepi (9:43.83) come la Magnani nei 1500 (4:07.88).


 

Libania Grenot senza rivali in Spagna. Stasera al 14° Meeting IberoAmericano di Huelva, la bi-campionessa europea dei 400 metri si impone nettamente sul giro di pista in 51.81. La panterita delle Fiamme Gialle rifila mezzo secondo alla portoghese Catia Azevedo (52.31). Per la primatista nazionale è il season best alla quarta uscita dell'anno: fin qui nel 2018 aveva all'attivo come miglior crono il 51.93 corso a Clermont in Florida il 12 maggio.

Sorrisi e applausi per le azzurre dei 3000 siepi. La campionessa italiana di cross Martina Merlo conquista la terza posizione in 9:43.83 alle spalle dell'ungherese Viktoria Gyurkes (9:37.02) e della spagnola Maria Teresa Urbina Gomez (9:43.70). Attenzione al crono perchè la 25enne torinese dell'Aeronautica demolisce il primato personale di ben 18 secondi (precedente 10:01.88 il 26 maggio a Oordegem) e sale al quarto posto delle liste italiane alltime. Bene anche la tricolore Francesca Bertoni (La Fratellanza 1874 Modena), superata dalla Merlo all'ultima riviera e poi quinta in 9:44.92, e Laura Dalla Montà (Assindustria Sport Padova), settima con il personale in 10:01.23. Per la Merlo e la Bertoni un abbraccio al traguardo unito alla soddisfazione dello standard di iscrizione FIDAL (9:48.00) per i prossimi Europei di Berlino (6-12 agosto).

Margherita Magnani torna a cimentarsi sui 1500 e porta a casa un bel terzo posto in 4:07.88. La cesenate delle Fiamme Gialle oggi, alla prima uscita outdoor dell'anno su questa distanza, deve cedere il passo solo alla spagnola Marta Perez Miguel (4:07.10) e alla keniana Winfredah Nzisa (4:07.53). Per "Maggie", autrice di una convincente rimonta dall'interno, questo è il sesto miglior tempo in carriera. Al maschile quarto in 3:41.90 Joao Bussotti (Esercito); davanti a tutti l'etiope Melese Nberet (3:39.42).

Progressi anche per la tricolore in carica degli 800 metri Yusneysi Santiusti. La mezzofondista dell'Assindustria Sport Padova chiude al quinto posto in 2:01.91 nella gara vinta dalla marocchina Malika Akkaoui (2:00.48) sull'etiope Mahelet Mulugeta (2:00.78). L'azzurra oggi è la terza delle europee al traguardo superata dalla francese Renelle Lamote (2:00.96) e dalla britannica Adelle Tracey (2:01.52). Grazie a questo risultato la Santiusti si riprende il vertice del ranking italiano 2018.

Per finire il triplo dove Dariya Derkach si piazza terza con 13,39 (+0.6) al penultimo ingresso in pedana. La bionda saltatrice dell'Aeronautica quest'anno ha già saltato 13,82 a Rieti. Il muro dei 14 metri resta intatto a Huelva, ma la spagnola Ana Peleteiro Brion è quella che ci arriva più vicina (13,90/-0.7). [RISULTATI/Results]

a.g.

IN OLANDA - Al meeting internazionale di Nimega, nei Paesi Bassi, tre mezzofondiste italiane in pista. Prende il via la stagione all’aperto della 25enne trentina Irene Baldessari (Esercito) che finisce quinta sugli 800 metri in 2:04.60 nella gara vinta dall’olandese Sanne Verstegen con 2:00.86. La 25enne trentina, campionessa nazionale assoluta indoor nel 2017, aveva dovuto rinviare l’esordio outdoor a causa di un fastidio muscolare. Terzo posto invece nei 1500 metri per la compagna di club Giulia Aprile (Esercito) che fa segnare il crono di 4:21.90. Per la 22enne tricolore in carica sulla distanza, un paio di secondi in più rispetto al 4:19.63 realizzato due settimane fa a Oordegem, in Belgio, mentre il successo va all’etiope Birri Abera (4:14.46) nella riunione ribattezzata quest’anno “Next Generation Athletics”. Dai 5000 metri arriva quindi il personal best della 28enne piemontese Valeria Roffino (Fiamme Azzurre). Con il tempo di 16:11.06 la campionessa italiana riesce a limare il suo precedente record (16:12.33) piazzandosi tredicesima. Doppietta britannica con Melissa Courtney in 15:16.51 davanti alla connazionale Eilish McColgan, 15:17.01. [RISULTATI/Results]

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Martina Merlo (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 GRENOT LIBANIA
 MERLO MARTINA