Lanci azzurri in Coppa Europa a Samorin

07 Marzo 2019

E' arrivata in Slovacchia la squadra italiana che sabato 9 e domenica 10 marzo sarà in gara nel trofeo continentale con 16 atleti tra peso, disco, martello e giavellotto


 

La squadra azzurra è partita oggi per Samorin, in Slovacchia, dove sabato 9 e domenica 10 marzo sarà impegnata per la 19esima edizione della Coppa Europa di lanci. Nella prima delle due giornate si disputeranno le gare maschili senior di peso e disco, mentre al femminile quelle di martello e giavellotto. Per il trofeo continentale al via 16 atleti italiani, 8 uomini e altrettante donne. Attesi in pedana fra gli altri il giavellottista Mauro Fraresso, dopo il recente exploit di 81,79 nella rassegna tricolore a Lucca con la miglior misura a livello nazionale degli ultimi 20 anni, e il pesista Leonardo Fabbri, cresciuto nella stagione indoor fino al 20,69 degli Assoluti di Ancona che è il lancio più lungo di un italiano dal 2002 considerando anche le gare all’aperto. Tra le donne nel peso Chiara Rosa si prepara a indossare la sua maglia azzurra numero 51 mentre nel giavellotto farà il debutto in Nazionale assoluta la 18enne Carolina Visca, argento europeo under 20. Nelle ultime due edizioni il team italiano ha conquistato due vittorie al maschile: senior nel 2017 e con gli under 23 nel 2018. Gli azzurri schierano tre formazioni su quattro, invece la squadra under 23 femminile non sarà al completo per il forfait della pesista Martina Carnevale a causa di un infortunio. All’evento sono annunciati alcuni big a livello internazionale: il tedesco Christoph Harting, oro olimpico del disco, e nel peso la campionessa mondiale indoor, l’ungherese Anita Marton. Due le sedi di gara, all’interno del complesso sportivo che nel dicembre 2017 ha ospitato gli Europei di corsa campestre, e sono iscritti 329 atleti in rappresentanza di 38 paesi.

DIRETTA VIDEO STREAMING: SABATO - DOMENICARISULTATI/ResultsISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - LE PAGINE EA SULLA MANIFESTAZIONE - IL SITO DEL COMITATO ORGANIZZATORE

UOMINI - Da cinque edizioni consecutive l’Italia sale sul podio con la formazione senior maschile grazie allo storico successo del 2017, a due secondi posti (2015 e 2016) e alla terza posizione di dodici mesi fa, già ottenuta nel 2014. Quest’anno, per allungare la striscia positiva, si presenta con il giavellottista leader nelle liste mondiali della stagione appena iniziata.

A Lucca la spallata di Mauro Fraresso si è infilata a 81,79 per un progresso di oltre tre metri e mezzo. Il 26enne trevigiano delle Fiamme Gialle adesso è il secondo azzurro di sempre, ma il team potrà contare nella stessa specialità anche sul milanese Roberto Bertolini (Fiamme Oro) che ha aperto l’anno con 77,85. Tra gli iscritti il nome di riferimento è invece lo slovacco Patrik Zenuch (84,83). Ancora un palcoscenico internazionale nel peso per Leonardo Fabbri (Aeronautica), a una settimana dal 19,71 che negli Europei indoor non è bastato a superare la qualificazione. Stavolta il 21enne fiorentino, convocato per dare punti alla squadra assoluta, avrà una nuova opportunità di riportarsi vicino ai 20 metri ampiamente superati durante la stagione in sala con la migliore prestazione italiana under 23 di 20,69. In gara due tra i protagonisti di Glasgow, il portoghese Francisco Belo e il lussemburghese Bob Bertemes, rispettivamente quarto e quinto. Nel disco l’umbro Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) ha già fatto segnare un +60 con la vittoria tricolore da 60,96 e troverà un notevole cast di avversari, a cominciare dall’olimpionico tedesco Christoph Harting e dall’estone Martin Kupper, quarto ai Giochi di Rio, oltre al russo Viktor Butenko, al romeno Alin Firfirica e all’ucraino Mykyta Nesterenko, tutti finalisti europei. Il pluricampione italiano del martello Marco Lingua (asd Marco Lingua 4ever), piemontese classe 1978 e decimo ai Mondiali di Londra, dopo aver confermato il suo titolo ritorna in azzurro per vedersela con rivali agguerriti, guidati dal bielorusso Pavel Bareisha e dal moldavo Serghei Marghiev che hanno raggiunto la top eight a Berlino.

DONNE - Anche la squadra femminile schiera un mix di giovani e di lanciatrici più esperte. La capitana Chiara Rosa, con la presenza numero 51, sale all’ottavo posto tra le azzurre di sempre nell’atletica. A proposito di cifre, in questa stagione la pesista padovana delle Fiamme Azzurre ha vinto nella rassegna indoor il 24esimo tricolore assoluto. Nuovo match intanto fra l’ungherese Anita Marton, oro iridato in sala ma bronzo ai recenti Europei, e la bielorussa Aliona Dubitskaya, quarta a Glasgow che dovrà però guardarsi anche dalla polacca Klaudia Kardasz e dalla svedese Fanny Roos, finite immediatamente alle sue spalle una settimana fa. Il giavellotto si conferma la gara più azzurra in questa edizione della Coppa Europa, con una doppia partecipazione tra le donne. Arriva il momento dell’esordio in Nazionale assoluta per Carolina Visca, 18enne romana delle Fiamme Gialle che è la capolista italiana stagionale: a Lucca ha firmato il miglior lancio di giornata (56,59), valido per il titolo under 20, e poi nell’incontro giovanile di Ancona con la Francia è riuscita ad allungare con 56,97, a quasi un metro dal suo primato juniores (57,93 nel 2018).

A festeggiare il tricolore senior è stata invece nuovamente la lombarda Sara Jemai (Esercito) che ha debuttato con 56,54. Tante le pretendenti al successo con la tedesca Christin Hussong, campionessa europea in carica, e la bielorussa Tatsiana Khaladovich, oro della precedente edizione continentale. Nel martello Sara Fantini cercherà di proseguire il trend di crescita stagionale: con il 67,83 di sabato ad Ancona la 21enne emiliana dei Carabinieri ha ottenuto la terza prestazione in carriera, a meno di mezzo metro dal personale. La gara si preannuncia di alto livello per la presenza della francese Alexandra Tavernier e della polacca Joanna Fiodorow, argento e bronzo a Berlino. La discobola friulana Giada Andreutti (Atl. Malignani Libertas Udine), in un inverno che l’ha vista in azione anche sulle piste di bob, non ha perso le sue qualità di lanciatrice ed è riuscita a bissare il tricolore invernale con 56,10 per guadagnarsi così la maglia azzurra. Sarà anche qui una sfida con due medagliate europee (le tedesche Nadine Muller e Shanice Craft) opposte alla francese Mélina Robert-Michon, argento olimpico, appena rientrata dalla maternità con un lancio sopra i 60 metri.

UNDER 23 - Nel team maschile under 23, due impegni per Alessio Mannucci (Atl. Livorno) che nella prima parte di stagione si è migliorato non solo nel “suo” disco con il 57,34 che gli ha dato il terzo posto assoluto, oltre al titolo di categoria, ma anche nel peso (16,92 ad Ancona). Il martellista Giacomo Proserpio (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) ha avvicinato il personale con 70,52 sulla pedana di Lucca, dove invece Simone Comini (Asa Ascoli Piceno) è cresciuto a 68,40 nel giavellotto. Al femminile l’infortunio al piede ha messo fuori gioco la pesista Martina Carnevale (Studentesca Rieti Milardi). Le under 23 azzurre saranno comunque presenti nelle altre specialità per ribadire il loro buon momento: Cecilia Desideri (Studentesca Rieti Milardi), seconda assoluta nel martello tricolore firmando il personal best di 58,68, e la giavellottista piemontese Sara Zabarino (Acsi Italia Atletica), che a Lucca si è migliorata a 54,13. Poi la più giovane dell’intera squadra, la figlia d’arte Diletta Fortuna (Atl. Vicentina) con i suoi 18 anni compiuti domenica, che alla vigilia ha sfiorato i 50 metri nel disco ad Ancona con 49,87. Tra gli iscritti l’ungherese Bence Halasz, bronzo europeo del martello a Berlino che ha optato per la gara under 23, e la multiplista ucraina Alina Shukh, campionessa mondiale under 20 del giavellotto.

Luca Cassai

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Carolina Visca (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 COPPA EUROPA di LANCI