Olivieri, martello da primato: 79,23

08 Giugno 2019

Day 2 dei Tricolori Juniores e Promesse di Rieti, nella sessione della mattina il marchigiano abbatte il suo record nazionale U20. Crida 6,33 nel lungo. DIRETTA STREAMING su atletica.tv


 

di Nazareno Orlandi

Dodici ore di atletica nel sabato dei Campionati Italiani Juniores e Promesse di Rieti: la seconda giornata della rassegna tricolore assegna 39 titoli italiani dopo le diciassette maglie di campione italiano già assegnate ieri. Il risultato-copertina della mattinata è il record italiano under 20 di Giorgio Olivieri (Team Atletica Marche) nel martello con 79,23 e un miglioramento di quasi due metri. La junior Veronica Crida (Unione Giovane Biella) cresce nel lungo: 6,33 (+0.3). Nella batterie dei 200 promesse Alessia Pavese (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) comincia con 23.66 controvento (-0.7).

CLICCA QUI - DIRETTA STREAMING SU ATLETICA.TV

RISULTATI/Results - FOTO/PhotosORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

OLIVIERI +180 CENTIMETRI - Ormai la barriera degli ottanta metri è ad un passo. Super Giorgio Olivieri (Team Atletica Marche) continua a prendere a martellate il record italiano U20 con una serie fantastica, segnati da tre lanci sopra il precedente primato nazionale (79,23, 78,99 e 78,06) che aveva sgretolato sette giorni fa ad Halle (77,43), con un progresso odierno di 180 centimetri. Sulla pedana di Rieti il 18enne marchigiano di Porto San Giorgio allenato da Alfio Petrelli e dal papà ex giavellottista Luigi, con la consulenza di Nicola Silvaggi per la programmazione, fa volare l’attrezzo da 6 kg alla seconda prestazione europea e mondiale dell’anno (meglio soltanto il greco Christos Frantzeskakis, 81,62) quando manca poco più di un mese agli Europei U20 di Boras (18-21 luglio). Ma prima c’è la maturità al liceo scientifico a Fermo.

VIDEO | GIORGIO OLIVIERI 79,23 RECORD ITALIANO U20 NEL MARTELLO

VIDEO | OLIVIERI: 3 SORELLE MINORI, 10 IN FISICA A SCUOLA E... 

CRIDA, IL RISCATTO - Prima il “pasticcio” nella batteria dei 100hs con le prime due barriere abbattute, poi il prontissimo riscatto, un paio d’ore dopo, nel salto in lungo con il titolo italiano e il primato personale di otto centimetri: 6,33 (+0.3). Una mattinata double face per Veronica Crida (Unione Giovane Biella), bravissima a rialzare subito la testa: nel lungo la sua serie è tutta oltre i sei metri (6,25, 6,11, 6,27, 6,12, 6,33) prima del nullo conclusivo, per una prestazione che vale il nono posto nelle liste juniores alltime. Oltre i 6 metri anche l’altra finalista europea allieve (ma del triplo) Veronica Zanon (Assindustria Sport Padova) seconda con 6,09.

ALTO: PAVAN 1,80 - Tenta tre volte senza successo quota 1,82 e conquista il titolo junior con il personale eguagliato di 1,80: Rebecca Pavan (Aristide Coin Venezia) bissa il tricolore indoor e si ripete a Rieti dopo il successo dello scorso anno tra le allieve. È gara vera, combattuta, con Bianca Garibaldi Devoto (Cus Pro Patria Milano) che oltrepassa 1,78 e Nicole Romani (La Fratellanza 1874 Modena) che sposta di tre centimetri il proprio limite (1,76) misura con la quale resta fuori dal podio Rachele Bovo (Atl. Riviera del Brenta).

LANCI - Marche anche tra le donne nel martello juniores. Al primo anno di categoria Sara Zuccaro (Atl. Fabriano) si laurea campionessa italiana: la finalista europea allieve di Gyor 2018 cresce di oltre due metri fino a 55,50 (quattro lanci al di là del suo precedente primato personale di 53,46) e respinge l’assalto finale Isabella Martinis (Atl. Malignani Libertas) che prova a insidiarla all’ultimo turno con 54,04. Il sardo Jhonatam Maullu (Dinamica Sardegna) rispetta il copione nel giavellotto juniores e veste il tricolore con 66,54, festeggiando un nuovo titolo dopo quello invernale.

MARCIA: TRIS LACATUS E BARCELLA - È la prima gara da italiana Andrada Lacatus (Pbm Bovisio Masciago) che finora gareggiava da equiparata e finalmente potrà vestire la maglia azzurra. È la junior di origine romena a portare a tre la striscia di successi consecutivi nelle rassegne tricolori del 2019 dopo il titolo nelle indoor e quello della 20 km. La mattinata regala un altro successo nei 10.000 su pista a “Dada” con il tempo di 49:44.18 che si libera di Vittoria Giordani (Us Quercia Trentingrana Rovereto) con 49:48.82, e anche tra le promesse continua il dominio di Lidia Barcella (Bracco Atletica) che a sua volta firma il terzo sigillo tricolore dell’anno marciando in 48:18.79.

U23, BATTERIE 20: PAVESE 23.66 - Back in Rieti, Alessia Pavese (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) sigla il miglior tempo delle batterie nei 200 promesse (23.66/-0.7) avvicinando il personale che aveva realizzato sempre su questa pista il 24 maggio (23.51). Domattina alle 11.10 l’assalto al titolo italiano. Tra gli uomini il più performante del primo round è Diego Aldo Pettorossi (Virtus Emilsider Bologna) con oltre due decimi di personal best (21.19/0.0): finale domani alle 11. 

U20, BATTERIE 200: GHERARDI+IANES - Nelle batterie dei 200 metri la migliore impressione la desta Chiara Gherardi (Studentesca Rieti Milardi) che senza forzare si presenta con un 23.83 (+0.3) che promette bene per la finale di domattina alle 10.50. Sotto i 24 secondi, con il primato personale di 23.97 (+1.0), avanza in finale anche la primatista italiana juniores dei 400 Elisabetta Vandi (Fiamme Oro). Tra gli uomini, assente il campione in carica Lorenzo Patta per un fastidio muscolare accusato negli ultimi allenamenti prima dei Tricolori, si fa notare Lorenzo Ianes (Atl. Trento) con il miglior tempo di 21.27 (+1.2) ed è in pole per il titolo che sarà assegnato domattina alle 10.40.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati italiani juniores e promesse di Rieti seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #JP2019.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: