Paralimpici: azzurrini 8 medaglie mondiali

05 Agosto 2019

Un oro, tre argenti e quattro bronzi per la spedizione italiana a Nottwil, in Svizzera. Tre podi per Carlotta Bertoli 


 

Si conclude con successo la spedizione azzurra ai Mondiali Paralimpici Giovanili di Nottwil, in Svizzera. A portare alto l’onore del tricolore nell’ultima giornata di gare ci hanno pensato Carlotta Bertoli e Flavio Menardi che hanno fatto salire a quota otto il bottino di medaglie dell’Italia (un oro, tre argenti, quattro bronzi). La sprinter Bertoli torna ancora a far parlare di sé vincendo la medaglia d’oro nei 400 T11-13 in 1:04.20. L’avversaria francese Lucile Razet è rimasta ad oltre un secondo di distacco. Bertoli è in assoluto l’atleta under 20 più decorata della rassegna iridata nelle fila degli azzurri, essendo salita anche sul podio dei 200 con l’argento e del lungo con il bronzo. A fine gara la nuova campionessa mondiale giovanile dice: “È stata una grande emozione. Ai 200 pensavo di non farcela, poi ho sentito il tifo dei miei compagni di squadra e dei tecnici e ho trovato la forza di andare avanti per arrivare al traguardo. Vorrei dedicare questo mio titolo alla mia famiglia, al mio allenatore e al mio fidanzato Augusto”. Anche nei lanci l’Italia c’è. Flavio Menardi conquista l’argento nel giavellotto F52-57 e il primo podio internazionale della sua giovane carriera. In gara trova la misura di 14,77, suo personal best, alla penultima prova che gli vale il secondo posto mondiale under 20: “Sono molto emozionato, sono riuscito a riscattarmi del quarto posto nel peso. Nel primo lancio mi sono stupito da solo realizzando già il mio personale, poi sono riuscito a spingere ancora di più grazie ai consigli del mio allenatore Orlando Maruggi. Dedico questa medaglia a lui e a tutte le persone di Cortina che mi hanno voluto bene dopo il mio incidente”. In una gara che assegnava solo oro e argento, Bianca Marini si deve accontentare della terza piazza con un crono da 3:53.96.

PACIOLLA BRONZO, MARCANTOGNINI PRIMATO MONDIALE 400 - Sui 200 T11-13 vinti dalla Bertoli, Marianna Agostini si classifica invece al settimo posto con 29.65. Anche Margherita Paciolla non tradisce le aspettative. È suo il bronzo nei 200 della stessa categoria ma tra gli under 17. La sprinter lombarda, salita sul terzo gradino del podio anche nel lungo, si esprime in 30.77 e taglia il traguardo davanti all’altra azzurra Alice Maule, quarta in 31.72. In chiave maschile, gli azzurrini si piazzano al 9° e 10° posto con Niccolò Pirosu (24.66) per la prima volta davanti a Mattia Cardia (24.87). La pista regala all’Italia il nuovo primato del mondo nei 400 T63 (1:14.56) di Lorenzo Marcantognini, limato per la terza volta quest’anno. Per effetto dell’accorpamento delle categorie T45-64 e dell’utilizzo del sistema Raza Points nel calcolo dei piazzamenti, il suo tempo gli vale però il 13° posto. Nella stessa gara Riccardo Bagaini (T47) è sesto in 53.55. Nei concorsi Flavio Menardi lancia il suo peso a 4,63 per le categorie F52-57 e ottiene il quarto posto.

DI MAGGIO ARGENTO NEI 400 - Dopo essere salito sul podio europeo senior a Berlino, lo sprinter siciliano Raffaele Di Maggio raddoppia il suo argento laureandosi vicecampione iridato under 20 nei 400 metri T20. Di Maggio taglia il traguardo con il crono di 51.65 dietro al brasiliano Gustavo De Oliveira. Nella stessa gara Mario Bertolaso, oro giovanile continentale, conclude al sesto posto in 54.94. I 100 T11-13 vedono il campione europeo under 20 Mattia Cardia collocarsi al 9° posto con il tempo di 12.19, con Niccolò Pirosu classificato al 16° posto (12.50). Nella gara femminile ma under 17, il bronzo del lungo Margherita Paciolla è quarta con 14.83, seguita da Alice Maule, quinta in 15.40. È un quinto posto anche per Riccardo Bagaini nei 100 a categorie accorpate T45-64. Il pluridecorato atleta under 20 chiude la sua prova in 11.57, con Lorenzo Marcantognini che si piazza 20° con 15.49.

MASIA DI BRONZO, LELLA RECORD ITALIANO NEL PESO - Due le medaglie ottenute nel salto in lungo. Margherita Paciolla, già argento iridato nel 2017, si conferma sul podio delle categorie T11-13 under 17. Il suo penultimo salto di 4,35 le vale il bronzo, nella stessa gara dove l’altra Azzurra Alice Maule, alla sua prima esperienza mondiale giovanile, termina al quinto posto con 4,06. Dai lanci arrivano altre soddisfazioni. Nel peso F20 Chiara Masia raggiunge quei 7,79 metri che le permettono di salire sul terzo gradino del podio, mentre tra gli uomini in una gara dove non si assegnavano medaglie, Cristian Lella firma il nuovo primato italiano di 11,52. Per il lanciatore sardo si tratta della seconda migliore prestazione assoluta nell’arco di due mesi ed un miglioramento di oltre 1 metro. In pista invece nei 200 che accorpano varie categorie (T45-64) e per cui è stato introdotto il sistema di punteggio Raza Points, Riccardo Bagaini corre in 23.25 classificandosi sesto (1126,003 punti), mentre Lorenzo Marcantognini (432,411 punti) conclude in 32.55 al 17° posto.

CIALLELLA: "ALL'ALTEZZA DELLE ASPETTATIVE" - Il referente tecnico del settore giovanile Stefano Ciallella legge così i risultati dell’Italia a Nottwil: “L’atletica paralimpica a livello mondiale è cresciuta in maniera esponenziale. In quest’edizione c’erano più nazioni e più partecipanti, con atleti under 17 e under 20 capaci di realizzare tempi stratosferici anche di interesse assoluto. I nostri ragazzi sono stati all’altezza delle aspettative sia per le medaglie conquistate sia per i primati personali avvicinati ed ottenuti, come nel caso di Cardia e Pirosu nei 200 e di Menardi nel giavellotto. Il merito va anche ai loro allenatori personali che lavorano con passione encomiabile. Sono molto felice di questa Accademia che è sicuramente in crescita. Il Mondiale giovanile è un ottimo punto di partenza perché i nostri atleti hanno visto fare ai loro coetanei prestazioni importanti. Quest’esperienza è una grande motivazione per lavorare sempre meglio in futuro”.

L'ITALIA AI MONDIALI PARALIMPICI GIOVANILI DI NOTTWIL 2019
Oro (1) Under 20:Carlotta Bertoli (400 T11-13).
Argento (3) Under 20: Carlotta Bertoli (200 T11-13), Raffaele Di Maggio (400 T20), Flavio Menardi (giavellotto F52-57).
Bronzo (4) Under 20: Carlotta Bertoli (lungo T11-13), Chiara Masia (peso F20). Under 17: Margherita Paciolla (200 e lungo T11-13).

(da comunicato stampa FISPES)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Il team azzurro a Nottwil (Foto Marco Mantovani/FISPES)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate