Strada: Bertone, PB alla mezza di Aosta

28 Ottobre 2019

Progresso dell’azzurra in 1h12:39 sulle strade di casa, a 47 anni. Si migliora Roffino con 1h15:23 vincendo a Lodi. Doppio record della gara ad Arezzo, più di mille a L’Aquila per la prima edizione nel decennale del sisma.


 

Arriva il record personale per Catherine Bertone alla quinta edizione della MezzAosta. L’azzurra è protagonista di fronte al pubblico di casa con il tempo di 1h12:39 e un miglioramento di quasi mezzo minuto, sfiorando il successo nella gara di 21,097 chilometri. In questa stagione la 47enne valdostana, medico al pronto soccorso pediatrico e due volte mamma, era già riuscita a correre tre volte sotto l’ora e quattordici minuti: fino al suo precedente primato di 1h13:03 a Lugano nel mese di maggio, ma anche a Torino e di recente a Trento. Dopo l’ottavo posto della scorsa estate agli Europei di Berlino, dove è salita sul podio con l’argento a squadre, ha in programma di correre la maratona del 1° dicembre a Valencia: “Sono felice. Questo record personale è per Aosta - ha detto la portacolori dell’Atletica Sandro Calvesi - e per tutte le persone che mi vogliono bene e che mi aiutano. Lo dovevo a loro. Sto bene e questo tempo arriva alla fine di un periodo di carico importante. Guardo a Valencia con tanta forza e fiducia”. Sul traguardo la keniana Ivyne Jeruto Lagat (#iloverun Athletic Terni) vince in 1h12:24 conservando quindici secondi di vantaggio, terza la ruandese Clementine Mukandanga (Runner Team 99) con 1h13:15 davanti a Sara Brogiato (Aeronautica, 1h16:25). Tra gli uomini, dominio del keniano Hosea Kimeli Kisorio (Atl. Virtus Cr Lucca) che si invola subito al comando per imporsi in 1h03:57 nei confronti del connazionale Gideon Kiplagat Kurgat (Italia Marathon Club, 1h07:35) mentre chiude in terza posizione l’atleta locale René Cunéaz (Cus Pro Patria Milano, 1h08:26) nella gara che attraversa anche lo stabilimento della Cogne Acciai Speciali dove il valdostano lavora quotidianamente. Nella “Metà Mezza” di 11 km vittoria in 33:43 per Omar Bouamer (Pol. Sant’Orso Aosta), terzo quest’anno alla rassegna tricolore dei 10 km su strada, e Federica Barailler (Apd Pont-Saint-Martin, 43:25). [RISULTATI/Results]

LODI - È Valeria Roffino a prendersi la scena della Laus Half Marathon numero cinque. La biellese delle Fiamme Azzurre conquista la mezza maratona di Lodi in 1h15:23, nuovo primato personale con oltre tre minuti di progresso sul precedente. Per la piemontese era la terza apparizione sulla distanza e un test positivo anche in vista della stagione dei cross. Una gara condotta con regolarità (3:34 al chilometro) la porta a recuperare oltre un minuto di ritardo nella seconda parte sulla keniana Mary Wangari Wanjohi e sull’etiope Gedamnesh Mekuanent Yayeh, transitate in 34:59 al decimo chilometro, con il sorpasso decisivo a 800 metri dal termine per aggiudicarsi il successo in piazza della Vittoria. Al secondo posto Wangari con 1h15:34 mentre in terza posizione chiude Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano), a fermare il cronometro in 1h16:17 dopo il ritiro nella mezza tricolore di Palermo, poi quarta Yayeh crollata nel finale (1h17:32) e quinta Eliana Patelli (La Recastello Radici Group, 1h18:39). In campo maschile Abdeljabbar Hamouch (Atl. Stezzano), ragazzo italiano di origini marocchine, si inserisce nel terzetto di keniani e rimane con loro per quasi metà gara. All’undicesimo chilometro i corridori degli altopiani vanno in fuga e poi l’atleta meno atteso dei tre, Simon Kamau Njeri, rompe gli indugi e si prende il successo in 1h05:36 davanti a Geoffrey Githuku Chege (1h05:44) e al più quotato Alfred Kimeli Ronoh (1h06:15), quarto Hamouch in 1h08:20. Più di 1300 gli atleti classificati. [RISULTATI/Results]

AREZZO - Un doppio record ha caratterizzato la 21esima Maratonina Città di Arezzo, con oltre 2500 partecipanti al via sulle varie distanze e circa 900 nella 21,097 km competitiva su un tracciato in parte rinnovato. Tra gli uomini Joel Maina Mwangi (Dinamo Sport) ha fatto segnare il personal best di 1h01:10 con una volata in rimonta sul connazionale Bernard Kipkorir (1h01:11), terzo Ishmael Chelanga Kalale (Atl. Casone Noceto, 1h01:23) che sulla carta era l’atleta con il miglior crono, per un podio interamente keniano. Battuto di un solo secondo il primato della gara (1h01:11 dell’etiope Abere Chane Lema nel 2012). Al sesto posto Stefano La Rosa (Carabinieri) in 1h06:41, che ha corso un mese fa alla maratona di Berlino. Anche al femminile c’è il nuovo record della manifestazione per merito della keniana Winfridah Moraa Moseti (Atletica 2005) che firma il personale in 1h08:44 togliendo quasi un minuto al suo record della mezza di Arezzo (1h09:41 nel 2017). La keniana, dopo la maternità, quest’anno è tornata in Italia più forte che mai. Alle sue spalle si sono migliorate anche la burundese Cavaline Nahimana (Freezone, 1h12:22) e l’ugandese Adha Munguleya (Gs Lammari, 1h12:46), sesta la 24enne Costanza Martinetti (Atl.

Arcs Cus Perugia) scesa a 1h16:36. [RISULTATI/Results]

L’AQUILA - Una giornata di festa per la prima edizione della Mezza Maratona L’Aquila Città del Mondo, con 1500 podisti arrivati da tutta Italia per correre una gara che ha offerto scorci e scenari spettacolari, dalle bellezze monumentali del centro cittadino ai borghi colpiti dal sisma, tra cui Onna, in gran parte ancora distrutta e in zona rossa. E poi il Gran Sasso da un lato e la Majella dall’altro, per un messaggio di rinascita nel decennale del terremoto. A tagliare il traguardo per primo, dopo la salita di 1500 metri e una pendenza media del 7 per cento, è stato Hajjaj El Jebli (International Security Service) in 1h12:45, seguito da Giorgio Bizzarri (Lazio Atl. Leggera, 1h16:13) e Anthony Scarinci (Us Aterno Pescara, 1h17:21). Tra le donne Paola Salvatori (Us Roma 83) con 1h21:40 ha preceduto Paola Di Tillo (Gs Virtus, 1h32:05) e Sara Di Prinzio (Runners Chieti, 1h36:54). Particolarmente gradita è stata la presenza dei consiglieri delle ambasciate di Russia e Francia (tra i paesi più legati a L’Aquila nella sua storia post-sisma) che hanno scelto la corsa di 5 km attraverso il centro storico ristrutturato e splendente: piazza Duomo e la chiesa delle Anime Sante restaurata dal Governo francese (davanti alla quale gli atleti si sono fermati, nella camminata pre-gara, per un momento di silenzio e di raccoglimento in ricordo delle vittime del terremoto), la basilica di Collemaggio, il corso, il castello cinquecentesco, il complesso monumentale di San Domenico, palazzo Camponeschi e poi di nuovo la villa comunale. [RISULTATI/Results]

SCICLI - Trentesima edizione per il Memorial Peppe Greco, gara di 10 chilometri nella cittadina barocca di Scicli (Ragusa), disputata in notturna e vinta dall’etiope Tadese Worku, vicecampione mondiale under 20 di corsa campestre, in 28:58. Un successo netto, sui keniani Amos Kipruto (29:45) e Dickson Simba (29:54), mentre il primo degli italiani è stato Italo Quazzola (Atl. Casone Noceto), sesto in 31:20. [RISULTATI/Results]

TRIESTE - Alla terza edizione della Corsa dei Castelli, la manifestazione podistica autunnale di 10 km a Trieste, molto combattuta la sfida maschile, che ha visto fin da subito in testa una coppia di keniani: nella salita finale di via del Monte, Sammy Kipngetich (Atl. Saluzzo) è riuscito a distanziare di qualche metro James Kibet per vincere con dieci secondi di vantaggio, 29:59 contro 30:09. Sul gradino più basso del podio, il leader della scorsa edizione Ahmed El Mazoury (Atl. Casone Noceto, 30:49), che si è staccato dopo il quarto chilometro. Nella prova femminile l’atleta di casa Joyce Mattagliano (Esercito, 37:36) ha avuto la meglio nei confronti di Erica Franzolini (Atl. Brugnera Friulintagli, 39:06) e Glenda Basei (Atl. San Martino Coop Casarsa, 40:27). Una gara con più di mille partecipanti fra competitiva (10 km) e Run Family di 8 km, collegata a Telethon. Ogni partecipante ha così potuto aiutare, con un contributo, l’organizzazione benefica che da anni finanzia e promuove la ricerca scientifica sulle malattie genetiche. [RISULTATI/Results]

IN RIVIERA - Alla RunRivieraRun International Half Marathon, ottava edizione della gara con arrivo nel porto turistico a Marina di Loano (Savona), il keniano Lengen Lolkurraru si impone in 1h06:49 davanti ai marocchini Yassine Kabbouri (Dinamo Sport, 1h07:07) e Yassine En Najib (Dinamo Sport, 1h11:40). La keniana Esther Wangui Waweru è prima al femminile con 1h19:52, seguita da Mina El Kannoussi (Atl.

Saluzzo, 1h21:53) e Carla Primo (Base Running, 1h23:26). [RISULTATI/Results]

ANCONA - Due gare contraddistinte dalla grande incertezza, in un clima da fine estate alla sesta Mezza Maratona Città di Ancona. Tra gli uomini Giovanni Moretti (Atl. Recanati) con 1h14:45 è riuscito a superare Luigi Gramaccini (Parmarathon, 1h14:56), terzo il plurimedagliato master Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona, 1h16:39). Al femminile Marcella Mancini (Marà Avis Marathon) ha conquistato la terza vittoria consecutiva con il record del percorso in 1h23:46 su Denise Tappatà (Sef Stamura Ancona, 1h24:08), più dietro Francesca Bravi (Grottini Team Recanati, 1h25:55). [RISULTATI/Results]

BARI - Sul percorso panoramico della settima Ganten Bari21 Half Marathon, in una mattinata dalle temperature quasi estive, ha vinto Giorgio Soldani (Runners Bergamo) con 1h15:35 davanti a Michele La Vista (Free Runners Molfetta, 1h16:28) e al maltese Matthew Xuereb (1h16:36). Prima donna al traguardo Eva Liz Mognon (Vicenza Marathon, 1h30:12) seguita da Francesca Riti (Montedoro Noci, 1h32:11) e Rosa Di Tacchio (Maratoneti Andriesi, 1h32:23). Tre diversi tracciati in relazione alle distanze: 5 km non competitiva (Bridgestone Bari Five) e 10 km con il successo di Michele Uva (Free Runners Molfetta, 33:33) e Valentina Lomonte (Athletic Academy Bari, 41:14) oltre alla 21,097 chilometri con partenza da corso Vittorio Emanuele, per svilupparsi in prossimità del centro cittadino, del lungomare e della città vecchia. [RISULTATI/Results]

NOVOLI - Nella 34ª Stracittadina Novolese, sul percorso di 10,2 chilometri a Novoli (Lecce), affermazione per Nfamara Njie (Atl. Casone Noceto, 30:56) di un solo secondo davanti al compagno di club Giovanni Auciello (Atl. Casone Noceto, 30:57), terzo Andrea Palumbo (Atl. Amatori Cisternino, 32:21). La gara femminile è stata terreno di conquista per Paola Bernardo (Atl. Amatori Corigliano, 38:46) con il podio completato da Elena Conte (Atl. Taviano 97 onlus, 39:50) e Alessandra Scatigna (Salento is Running, 41:41). [RISULTATI/Results]

ABBIATEGRASSO - Nella quarta Rotary Marathon dei Navigli, ad Abbiategrasso (Milano), successo di Marco Ferrari (Atl. Paratico) e Claudia Gelsomino (Cardatletica). Il leader maschile in 2h28:07 riesce a battere Loris Mandelli (Pol. Carugate, 2h34:59) e Antonio Castellaneta (Atl. Cesano Maderno, 2h47:32), mentre l’intramontabile campionessa master, già tricolore assoluta sulla distanza, si aggiudica la gara in 3h04:28 con ampio margine su Rita Secchi (Cus Pro Patria Milano, 3h22:37), terza l’uruguaiana Eliana Silvera (3h24:14). Sui 21,097 km della Mezza del Cuore vincono invece il burundese Celestin Nihorimbere (Atl. Brugnera Friulintagli, 1h09:55), davanti ad Alessandro Bossi (Gp Garlaschese, 1h15:23) e Fabio Ercoli (Gs Gabbi, 1h15:46), e Karin Angotti (Gp Garlaschese, 1h25:26), che precede Carolina Sofia Chisalè (Star Run, 1h26:25) e Giulia Sommi (Cus Pro Patria Milano, 1h27:26). [RISULTATI/Results]

ALBA - In doppia cifra l’Ecomaratona del Barbaresco e del tartufo bianco d’Alba, in provincia di Cuneo, con la decima edizione vinta per la quarta volta da Lorenzo Perlo (Atl. Avis Bra Gas, 2h54:01) davanti a Lorenzo Trincheri (Gs Roata Chiusani, 3h01:52) e Matteo Arrigoni (Osa Valmadrera, 3h03:28). Dopo aver corso tra le colline delle Langhe, successo femminile a Monica Pilla (Atl. San Marco Us Acli, 3h23:53) su Sonia Ceretto (Maratoneti del Tigullio, 3h29:25) e Laura Mazzucco (Pam Mondovì-Chiusa Pesio, 3h43:14). [RISULTATI/Results]

l.c.

(da comunicati stampa organizzatori)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


La partenza della Mezza Maratona L’Aquila Città del Mondo


Condividi con
Seguici su: