Straneo, rientro vincente alla mezza di Monza

13 Settembre 2020

La campionessa italiana di nuovo in gara con 1h13:32 sui 21,097 chilometri: “Finalmente si riparte”. Seconda l’altra azzurra Epis in 1h14:18

 

Ritorno alle corse su strada per due azzurre, con il successo della campionessa italiana Valeria Straneo nella mezza maratona di Monza. Al termine di una gara condotta al comando, la piemontese del Laguna Running in 1h13:32 si lascia alle spalle Giovanna Epis (Carabinieri), staccata all’ottavo chilometro e seconda sulla linea d’arrivo della Ganten Monza21 Half Marathon con 1h14:18. Sette mesi dopo l’ultima volta, si riprende da dove si era rimasti: alla rassegna tricolore di metà febbraio sui 21,097 km a Verona erano finite nell’ordine e quasi con lo stesso distacco, anche se con tempi in quel caso inferiori di un paio di minuti. Ma oggi, nel percorso tra l’autodromo e il parco di Monza, contava soprattutto ritrovare il clima agonistico. Terzo posto di Ivana Iozzia (Calcestruzzi Corradini Excelsior, 1h20:24).

“Finalmente si ricomincia! Ci voleva - le parole di Valeria Straneo - perché indossare di nuovo il pettorale di gara è davvero stimolante. Per il crono sono parzialmente soddisfatta, ma il tracciato qui è “grintoso”, molto bello però impegnativo, con la prima parte scorrevole e poi qualche saliscendi nel parco, in una mattinata piuttosto calda e umida. Dal tredicesimo chilometro è quindi un po’ calato il ritmo. Sono contenta di essermi confrontata con Giovanna Epis, e correre con lei mi ha aiutato anche nel periodo di raduno a Sestriere, dopo quello a Livigno. Un buon test sperando di poter gareggiare ai Mondiali di mezza maratona tra un mese in Polonia, che per il momento sono confermati, e magari di affrontare una maratona entro la fine dell’anno”.

“Dopo tanto tempo senza gare su strada - commenta la veneziana Epis - e solo con qualche test in pista, l’importante era ripartire. Probabilmente mi aspettavo qualcosa di meglio, anche se devo riassestarmi dopo gli allenamenti in altura, ai duemila metri di Sestriere. Non è facile portare avanti la preparazione, senza obiettivi e riscontri agonistici. Mi auguro anch’io di poter chiudere il 2020 con una maratona e sicuramente mi piacerebbe correre ai Mondiali di mezza, perché tornare a indossare la maglia azzurra sarebbe una nota positiva in un anno come questo”. Tra gli uomini, il comasco Michele Belluschi (Grottini Team Recanati) prevale in 1h09:52 e taglia il traguardo mimando una suonata di violino, davanti a Gianfilippo Grillo (#iloverun Athletic Terni, 1h10:44) e Loris Mandelli (Pol. Carugate, 1h11:54).

l.c.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: